sabato 15 dicembre 2018

FRANCESCO LASALANDRA Attraversamenti


 
La pittura e la fotografia sono gli strumenti, esistenziali e psicologici, che Francesco Lasalandra utilizza con vigorosa passione per esprimere il proprio fare arte. Un’arte che rapportandosi con lo spazio e il tempo declina un attraversamento che oltrepassa ogni barriera senza porsi limiti né confini. Dipingendo il Pizzo Badile (la cima più conosciuta della Val Bregaglia) con uno stile Novecentista che ricorda il miglior Mario Sironi, l’artista milanese si concentra dal punto di vista cromatico, filosofico e spirituale sulla misteriosa terribilità di una montagna intesa come corpus geologico capace di sprigionare vita nei suoi perenni attraversamenti da una condizione all’altra. È invece il filo rosso (ma anche il vermiglio spot che focalizza l’attenzione su tematiche come l’indifferenza o il silenzio) a scandire i viaggi fotografici di Lasalandra che catturano figure senza identità impegnate ad attraversare la loro esistenza nel (vano?) tentativo di raggiungere una via di fuga dal loro anonimato.                                                                                                                                                                                                                                  Stefano Bianchi